LAMPADE
TAVOLO
PARETE
SOSPENSIONE
TERRA
SOFFITTO
SISTEMI
SOSPENSIONE


Libera: 
Categoria: 
Prezzo Massimo: 
Sorgente di luce: 
Avvia la ricerca
Gae Aulenti:


Gae Aulenti

Gaetana (Gae) Aulenti nasce a Palazzolo dello Stella, il 4 12 1927) ed è un architetto e designer italiano.

Gae Aulenti si laurea e si forma come architetto negli anni 50 a Milano; in questo periodo l'architettura italiana è impegnata nella ricerca storico e culturale al fine di recuperare i valori architettonici del passato e dell'ambiente costruito esistente (per “ambiente costruito” si intende l’insieme delle realizzazioni umane atte a trasformare l'ambiente naturale. Il primario stato viene modificato e rimodellato dall'uomo adattandolo alle proprie esigenze.). Queste espressioni architettoniche si erano sviluppate prima nel neorealismo e successivamente si materializzano nella nuova corrente denominata Neoliberty. Gae Aulenti fa parte di questo percorso, ponendosi come reazione al razionalismo.

Dal 1955 al 1965 Gae Aulenti fa parte della redazione di "Casabella-Continuità" diretta da Ernesto Nathan Rogers.
Gae Aulenti è impegnata anche sul fronte universitario; dal 1960 al 1962 è assistente di Giuseppe Samonà (cattedra di Composizione Architettonica all'Istituto Universitario di Architettura di Venezia), e dal 1964 al 1969 è assistente di Ernesto Nathan Rogers (cattedra di Composizione Architettonica al Politecnico di Milano; facoltà di Architettura).

Dal 1974 al 1979 è membro del Comitato direttivo della rivista "Lotus International"; successivamente compie esperienze artistiche e dal 1976 al 1978 collabora a Prato con Luca Ronconi a Prato (presso il laboratorio di Progettazione Teatrale).
Partecipa alla vita d'accademia e nel 1984 viene nominata Accademico corrispondente dell'Accademia Nazionale di San Luca (Roma), mentre dal 1995 al 1996 è Presidente dell'Accademia di Belle Arti di Brera (Milano).

Fra le sue opere sia architettoniche, che di design, si ricordano il Museo d'Orsay e la lampada "Pipistrello" della Martinelli Luce SpA (1963), che ha richiami Art Nouveau.